Patrizia Barbieri Sindaco Piacenza

Centri estivi. Il Sindaco: “in Emilia primi a partire. Piacenza esempio virtuoso”

PIACENZA – Il sindaco di Piacenza, Patrizia Barbieri, è intervenuta sul suo profilo Facebook con una serie di precisazioni in merito al tema dei centri estivi. Ecco cosa ha scritto: 
 
– “Il Comune di Piacenza non gestisce direttamente e non appalta, ma sostiene con appositi fondi i centri estivi. Quest’anno i fondi verranno addirittura triplicati per garantire la massima accessibilità e fruizione dei centri estivi, in modo che le tariffe non gravino interamente sulle spalle delle famiglie.
 
– Le linee guida regionali sono state emanate il 1° giugno, ma dal momento che il Comune di Piacenza stava già lavorando sui centri estivi dai prima di Pasqua, siamo riusciti a partire con alcune strutture già l’8 giugno, in largo anticipo rispetto alla maggioranza delle realtà emiliano-romagnole, tanto da essere citati come esempi virtuosi.
 
– Abbiamo attivato nuovi bandi proprio per garantire la più ampia offerta e la piena accessibilità dei servizi per il maggior numero di nuclei familiari interessati. Rispetto al 2019, il numero degli operatori a parità di iscritti dovrebbe essere circa il triplo per soddisfare, nel rispetto delle disposizioni vigenti, tutte le richieste di partecipazione.
 
– Per favorire l’avvio delle attività da parte di tutti i gestori che lo richiedano, il Comune si è reso disponibile ad attuare una procedura straordinaria per mettere a disposizione un numero maggiore di spazi scolastici.
 
– Abbiamo previsto anche un rimborso ulteriore, tuttora in fase di definizione, per andare incontro a tutti gli operatori che dovranno sostenere, inevitabilmente, spese maggiori in ottemperanza alle normative.
 
– Con il progetto “Estate per tutti” abbiamo previsto contributi fortemente maggiorati ai gestori a fronte dell’accoglienza di bambini con disabilità o in condizioni di fragilità socio-economica.
 
Attualmente, hanno presentato allo sportello Suap comunale l’autocertificazione necessaria per avviare l’attività di centro estivo, che consente di velocizzare la procedura rispetto alla vecchia SCIA, nove soggetti (tre parrocchie, le due Società Canottieri, una società sportiva e tre soggetti privati). L’auspicio è che altri aderiscano aumentando il numero delle attività in fase di avvio anche grazie all’adesione ai bandi di cui abbiamo esteso i termini ed all’importantissimo budget – oltre il triplo dello scorso anno – messo in campo.
 
E’ consultabile all’indirizzo www.comune.piacenza.it/temi/educazione/attivita-e-progetti-educativi/centri-estivi la nuova pagina informativa attivata dall’Amministrazione comunale, riportante l’elenco delle strutture operanti in città e i relativi gestori dei centri estivi, per offrire un ulteriore supporto alle famiglie che intendono iscrivervi i propri figli e consentire loro di scegliere tra il panorama pressoché completo delle opzioni potenzialmente disponibili”.

Potrebbe interessarti

Castello di Rivalta PIACENZA

I Castelli di Piacenza. Un viaggio nel tempo tra storia e meraviglia

La provincia di Piacenza, incastonata nel cuore dell’Italia settentrionale, è una terra di inestimabile valore …