Esplosione Beirut

Beirut. 78 morti e 4.000 feriti. Aria tossica per il nitrato di ammonio

BEIRUT – Sale come era prevedibile il bilancio delle vittime della doppia esplosione avvenuta ieri nel porto di Beirut, in Libano. A provocare le esplosioni è stato un incendio in un deposito nel porto dove erano immagazzinate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio. Il prodotto chimico, altamente esplosivo, è utilizzato per la preparazione di fertilizzanti e ha molti altri impieghi industriali, ma è già stato utilizzato in passato anche per azioni terroristiche.

L’aria nella città è tossica. Il ministro della salute libanese Hamad Hasan ha consigliato di andare via da Beirut, affermando che materiali pericolosi sprigionatisi nell’aria dopo le deflagrazioni potrebbero avere effetti a lungo termine mortali.

Due forti esplosioni a Beirut

Intanto dirigenti militari americani parlano di un possibile attacco, come ha dichiarato anche il presidente americano Donald Trump. “Ho incontrato i nostri generali e sembra che non sia un incidente industriale. Sembra, secondo loro, che sia un attentato, una bomba di qualche tipo”.

Potrebbe interessarti

Miss Italia Castel San Giovanni Venerdì Piacentini

Piazza piena per Miss Italia e i primi Venerdì Piacentini a Castel San Giovanni

Castel San Giovanni, 14 giugno – La serata di ieri ha segnato un evento storico …