Brasile. Nella rivolta del carcere 400 ribelli tengono sotto scacco 120 ostaggi

Tra i rivoltosi anche un italiano. Tra gli ostaggi presenti anche parenti dei detenuti

La rivolta dei disperati è iniziata domenica. Più di quattrocento detenuti della prigione di Jacinto Filho di Aracaju, nel nord-est del Paese, hanno infatti preso in ostaggio 120 persone, tra i quali anche tre agenti penitenziari. La maggior parte degli ostaggi sarebbero parenti dei carcerati; una sollevazione sviluppatasi quindi durante l’orario di visita. I ribelli sono successivamente saliti sul tetto, e a nulla è valso l’invio di 130 poliziotti per sedare la rivolta; uno di loro, buttandosi dalla sommità dell’edificio, si è fratturato una gamba dopo un volo di sei metri.
Il gesto estremo sarebbe stato compiuto per protestare contro i maltrattamenti subiti dalle guardie, oltre che per la rivendicazione di una migliore qualità dei pasti serviti in carcere. Tra i rivoltosi vi sarebbe anche un italiano, Davide Migani, arrestato sulla spiaggia di Atalaia lo scorso dicembre in seguito al naufragio di uno yacht contenente oltre 300 chili di cocaina.

Potrebbe interessarti

Miss Italia Castel San Giovanni Venerdì Piacentini

Piazza piena per Miss Italia e i primi Venerdì Piacentini a Castel San Giovanni

Castel San Giovanni, 14 giugno – La serata di ieri ha segnato un evento storico …