Alpini. Piacenza hai avuto una grande opportunità: ora prova ad aprirti!

Piacenza così bella non l’abbiamo mai vista. Grazie agli alpini e ai piacentini

Ho parlato con tanti miei concittadini nei giorni che hanno preceduto l’Adunata Nazionale degli Alpini che si è svolta a Piacenza. Sentivo frasi come: “io vado in campagna per 3 giorni per riuscire a dormire”, “ho il diritto di uscire con la mia auto dal mio garage anche se vivo in centro”, “la nostra è una città di 100.000 abitanti, non ne può ospitare 4 volte tanto”, e via così. C’era diffidenza, la solita odiosissima diffidenza made in Piacenza, tipica di un paesone di provincia. Eppure gli Alpini sono riusciti a fare un incantesimo. Chi ha vissuto la festa in giro per le strade, condividendo una birra o un bicchiere di vino in un accampamento o su uno dei tanti mezzi folcloristici che hanno circolato in città, ha visto solo volti felici. Gente simpatica, gioviale, gentile, educata che non faceva altro che ringraziare i piacentini per il calore e l’ospitalità.
La cosa mi ha fatto immensamente piacere. Piacenza è riuscita ad aprirsi, ad accogliere 400.000 alpini e simpatizzanti, a condividere con loro momenti di gioia. Piacenza è riuscita a non prendersi troppo sul serio, a sopportare qualche disagio per avere in cambio un’esperienza che – purtroppo – difficilmente si potrà ripetere. Piacenza ne è uscita trasformata.

Ora, senza voler fare retorica, Piacenza ha una grande occasione. Imparando da questa esperienza, grazie a tutto quello che gli Alpini con il loro calore e con il loro esempio ci hanno lasciato, può provare ad aprirsi, a crescere, a smettere di essere prigioniera delle abitudini. Non è certo una questione solo anagrafica, ma per la prima volta i desideri dei giovani piacentini hanno vinto sulla “voglia di non toccare nulla” di chi è un po’ meno giovane. Siamo forse gli unici in Italia che, pur avendo una piazza meravigliosa, non abbiamo la possibilità di godercela, di mangiare un gelato o bere un aperitivo seduti ad un tavolino sotto l’ombra del Gotico. Organizzando i “Venerdì Piacentini” sento tante persone dichiarare, almeno sulla carta, di volere il centro storico vivo; ma le rare volte che si riesce ad organizzare qualcosa, non si sentono altro che lamentele. Ieri notte, alle 4 del mattino, sotto il Gotico ho visto almeno 50.000 persone. E, incredibilmente, il mondo non è cascato.

Grazie Alpini per quello che siete e rappresentate. E forza, Piacenza: ora prova ad aprirti!

Vuoi dirmi la tua su questo Editoriale?
Parliamone su Twitter

Il mio blog (www.nicolabellotti.it)

Potrebbe interessarti

Venerdì Piacentini

Nelle librerie online l’undicesimo libro fotografico sui Venerdì Piacentini

Nelle librerie online fa il suo debutto l’undicesimo volume dedicato ai Venerdì Piacentini, il festival …