Autismo. I primi segni visibili con la risonanza anni prima dell’esordio

La risonanza magnetica sui bambini ad alto rischio permetterebbe una diagnosi precoce dell’autismo, anche anni prima dell’insorgenza dei primi sintomi: lo sostiene uno studio pubblicato dalla rivista Nature, condotto presso la University of North Carolina-Chapel Hill. Gli esperti hanno svilupato un algoritmo in grado di fornire un risponso accurato nell’80% dei casi grazie ai dati ottenuti con la risonanza magnetica su bambini di età fra i 6 e i 12 mesi: questo infatti permetterebbe di identificare i primissimi segnali precursori di un possibile sviluppo dell’autismo negli anni successivi.

La diagnosi precoce di autismo normalmente viene fatta oggi tra i 2 ed i 3 anni di vita, quando iniziano a rendersi visibili i primi sintomi comportamentali: si ritiene, però, che una diagnosi ancora più precoce potrebbe rendere possibili interventi “preventivi” sui neonati ad alto rischio.

Potrebbe interessarti

Venerdì Piacentini

Nelle librerie online l’undicesimo libro fotografico sui Venerdì Piacentini

Nelle librerie online fa il suo debutto l’undicesimo volume dedicato ai Venerdì Piacentini, il festival …