Venerdì Piacentini 2023

Venerdì Piacentini 2023. Grande attesa per il più importante festival di Piacenza. Iren ancora una volta main sponsor

Piacenza, una città ricca di storia, cultura e tradizione, si prepara ad accogliere uno dei suoi eventi più attesi e celebrati: i Venerdì Piacentini. Questo affascinante festival, che si svolge ogni anno nel cuore della città, cattura l’attenzione di visitatori provenienti da ogni angolo d’Italia e oltre. Durante le serate di questi venerdì, Piacenza si trasforma in un palcoscenico vivace e vibrante, in cui l’arte, la musica e la gastronomia si uniscono per creare un’esperienza indimenticabile per tutti. I Venerdì Piacentini non solo offrono una miriade di spettacoli e intrattenimento, ma hanno dimostrato di essere un autentico motore di crescita economica per la città di Piacenza e per la regione circostante.

I Venerdì Piacentini sono un festival popolare en plein air, come dicono i francesi, ma anche un trionfo di musica e cultura in tutte le sue forme. Lungo le strade e nelle piazze del centro storico, si possono ascoltare tutti i generi musicali, apprezzare performance, spettacoli di danza, momenti sportivi, ammirare installazioni artistiche, mostre e molto altro. Artisti provenienti da diverse discipline si esibiscono, offrendo un’ampia varietà di esperienze che soddisfano ogni gusto. Dai concerti di musica classica ai concerti rock, dai talk show alle aperture straordinarie dei musei, c’è qualcosa di speciale per tutti coloro che partecipano al festival.

Oltre alla cultura artistica, i Venerdì Piacentini offrono anche un’esperienza culinaria unica. Piacenza è rinomata per la sua cucina tradizionale, caratterizzata da piatti prelibati e ingredienti di alta qualità. Durante il festival, le strade si animano di bancarelle gastronomiche che offrono specialità locali, come i famosi salumi piacentini con il gnocco fritto e la bortellina, i tortelli con le code ripieni di ricotta e spinaci, come furono preparati per il Petrarca, i pisarei e farò, gli anolini, la piccola di cavallo e i dolci tipici. È l’occasione perfetta per assaporare le delizie del territorio e godersi una serata all’insegna dei sapori autentici.

I Venerdì Piacentini sono molto più di un semplice festival. Questo evento ideato dall’agenzia di comunicazione Blacklemon che lo organizza dal 2011, coinvolge l’intera comunità di Piacenza, che si unisce per celebrare la propria identità e patrimonio culturale. Le associazioni locali, le scuole, gli artisti emergenti e i commercianti partecipano attivamente all’organizzazione delle attività, creando un legame forte e un senso di appartenenza. Grazie a questa sinergia tra cittadini e organizzatori, il festival riesce a offrire un’esperienza autentica e coinvolgente.

I Venerdì Piacentini sono diventati uno degli eventi più importanti per il commercio locale. Si calcola infatti che sulle attività del centro storico in queste 5 settimane di festival ricada un indotto che si avvicina ai 10 milioni di euro che, secondo gli studi che sono stati effettuati, potrebbero diventare 30 se i turisti si fermassero a dormire nel piacentino per il weekend. Oltre a offrire una ricca programmazione culturale, infatti, il festival attira un gran numero di visitatori da fuori città, che hanno l’opportunità di scoprire le bellezze di Piacenza e le sue attrazioni turistiche. Dai monumenti storici ai panorami mozzafiato della campagna circostante, Piacenza si rivela come una meta affascinante per i turisti che desiderano immergersi nella cultura italiana autentica.

L’indotto economico generato dal Festival Venerdì Piacentini è notevole e coinvolge diversi settori. I ristoranti, i bar e i caffè locali beneficiamo dell’afflusso di visitatori, che si riversano nelle strade del centro storico in cerca di una pausa non solo culinaria. Inoltre, l’indotto economico si estende anche al commercio locale. I negozi di abbigliamento, le boutique, le librerie e i negozi di souvenir registrano un incremento delle vendite grazie all’aumento dei visitatori durante il festival. Un’altra importante componente dell’indotto economico è rappresentata dai servizi correlati all’evento, come la logistica, la sicurezza e l’organizzazione. Infine, non possiamo dimenticare l’indotto generato dai media e dalla promozione del festival. L’evento attrae l’attenzione dei giornali locali, delle stazioni radio e delle emittenti televisive, generando una copertura mediatica che mette in luce la città di Piacenza e le sue eccellenze culturali. Questa esposizione mediatica contribuisce a promuovere il turismo e attira nuovi visitatori anche in futuro. Come si diceva, la sfida da vincere è quella di coinvolgere in modo sempre più attivo le strutture ricettive della zona affinché, durante il periodo del festival, gli alberghi e i bed and breakfast della zona possano registrare una più alta occupazione, che si tradurrebbe in un flusso di entrate significativo, con una ricaduta sulle valli piacentine, sulle colline e su tutta la provincia.

I Venerdì Piacentini sono il simbolo di una comunità operosa che prende vita e della cultura che si diffonde tra le strade di Piacenza. Questo festival, attraverso una varietà di eventi artistici, spettacoli musicali e prelibatezze gastronomiche, incanta i visitatori e rende orgogliosi gli abitanti locali. L’energia e l’entusiasmo che circondano questo evento sono un riflesso dell’identità vibrante di Piacenza. Se hai la possibilità di partecipare a questo festival unico, non perdere l’occasione di vivere un’esperienza indimenticabile e scoprire tutto ciò che Piacenza ha da offrire.

Anche per questa undicesima edizione a cura di Blacklemon, IREN sarà lo sponsor principale. Si tratta si un sodalizio che dura dal 2011 e che ha visto l’azienda multi-utility sempre in prima linea a sostegno del festival. Quest’anno anche Banca di Piacenza ha confermato il proprio sostegno e sarà l’unico “Platinum Sponsor”.

www.venerdipiacentini.it

Potrebbe interessarti

Franca Bongiorni, l’isola che non c’è allo spazio BTF

Lo spazio BFT è lieto di annunciare l’inaugurazione della mostra “L’Isola che non c’è” dell’artista …