La battaglia per Terrepadane. Lettera aperta dei lavoratori contro il commissariamento

PIACENZA – Da mesi è in atto un’operazione romana per conquistare a qualsiasi costo il consorzio agrario Terrepadane, uno dei fiori all’occhiello del nostro territorio. La vicenda è stata spiegata dettagliatamente nell’articolo di Giovanni Volpi su Il Mio Giornale. L’ultimo atto della battaglia iniziata nel 2021 con la sconfitta della lista di Coldiretti che voleva l’entrata di Terrepadane in Consorzi Agrari d’Italia sono state le dimissioni dell’intero cda di Terrepadane, una mossa che puntava ad evitare il commissariamento.

Oggi i dipendenti, gli agenti, i collaboratori e tutta la forza lavoro di Terrepadane (in rappresentanza di 200 famiglie coinvolte in questa battaglia) hanno fatto sentire la loro voce con una lettera aperta che riportiamo.

LETTERA APERTA DEI DIPENDENTI, AGENTI E COLLABORATORI DI TERREPADANE

Siamo i dipendenti, gli agenti e i collaboratori di Terrepadane. Rappresentiamo più di duecento famiglie, che lavorano in una società sana, con risultati in enorme crescita e che rappresenta un punto di riferimento per l’intera provincia di Piacenza e per tutti i territori dove opera. Siamo orgogliosi di quello che siamo riusciti a fare in questi anni, aiutando gli agricoltori e le imprese agricole a superare le difficoltà causate dal Covid e dall’aumento dei prezzi, investendo sui giovani, promuovendo progetti innovativi con le scuole e le università e al contempo generando valore per i soci del Consorzio. Con lo sforzo e l’impegno di tutti abbiamo ottenuto risultati record, mai raggiunti prima d’ora. Eppure la nostra società è sotto attacco, sotto la minaccia di un commissariamento ingiusto, che non riusciamo a spiegarci. Il nostro futuro, il futuro delle nostre famiglie è a rischio per giochi di potere e manovre opache che si svolgono lontano da qui. In questi lunghi mesi abbiamo assistito in silenzio alle ingiustizie che venivano perpetrate ai danni del Consorzio, alle pressioni esterne, ai tentativi di condizionamento di cui anche noi siamo stati vittime. Ma ora non possiamo più tacere. Con questa lettera aperta intendiamo quindi esprimere il nostro sostegno agli amministratori della società e soprattutto la nostra fortissima preoccupazione per quanto sta accadendo. Chiediamo a tutti quelli che hanno a cuore il futuro di Terrepadane e il futuro stesso di Piacenza e di tutti i territori dove opera il Consorzio di intervenire. Chiediamo ai sindacati di far sentire la propria voce, a difesa dei nostri posti di lavoro. Chiediamo al Sindaco di Piacenza Katia Tarasconi, al Presidente della Provincia Monica Patelli, al Presidente della Regione Stefano Bonaccini e a tutti i deputati e senatori espressi dal nostro territorio l’Onorevole Tommaso Foti, l’Onorevole Paola de Micheli e la Senatrice Elena Murelli di ascoltarci e fare tutto quanto possibile per evitare che il Consorzio, un pezzo così importante della nostra economia, venga distrutto. Chiediamo a tutti di prendersi le proprie responsabilità, di non rimanere in silenzio, prima che sia troppo tardi. Grazie

Potrebbe interessarti

Venerdì Piacentini

Il Gran Finale dei Venerdì Piacentini: Cani Della Biscia, Disco Party e Boxe

Piacenza è pronta per il gran finale del festival Venerdì Piacentini, previsto per venerdì 19 …